Questo modo di fare politica non è più tollerabile

Pubblicato: 25 settembre 2012 in Uncategorized

ROMA – Gli scandali offerti negli anni, nei mesi e nei giorni scorsi dalla classe politica ci fanno capire che la Seconda Repubblica non ha imparato nulla dai propri errori esattamente come succedeva alla Prima. La gestione scellerata dei contributi pubblici dei partiti nel Lazio aumenta il nostro sgomento, la nostra indignazione soprattutto perché perpetrata in questa fase di profonda crisi in cui versa il nostro Paese. Nel momento in cui la stragrande maggioranza della società italiana affronta sacrifici enormi, la classe politica continua ad incrementare i suoi privilegi e a dissipare ingenti somme di denaro pubblico in attività, beni e servizi che nulla hanno a che fare con un corretto modo di fare politica. Centro destra e centro sinistra, politici nazionali, regionali e locali, nessuno è più difendibile. Tutti, partiti e politici, sono corresponsabili di ciò che è accaduto e sta accadendo e nessuno può affermare anche solo di non sapere perché erano lì e come affermava il filosofo inglese Burke:  “Affinchè il male trionfi è sufficiente che i giusti rinuncino all’azione”. I giusti, che anche tra i politici sicuramente ci sono, hanno anch’essi rinunciato all’azione. Hanno rinunciato a ridefinire le regole del gioco politico, a ridursi gli stipendi, i privilegi e i benefit, ad imporre e pretendere un comportamento adeguato a chi, accanto a loro, è stato eletto e incaricato a svolgere il delicato ruolo istituzionale di governare al meglio questo nostro Paese. Questo modo di fare politica non è più tollerabile! E’ come se in ogni ambito politico sia presente una falange di fiancheggiatori, o di giocatori che agiscono all’interno di un gioco al massacro del “tutti contro tutti”, o una quinta colonna tesa a disintegrare il Paese invece che adoperarsi per ricostruirlo. Noi, di Formiche Giovani, siamo basiti, arrabbiati, indignati, sconcertati perché siamo sempre più consapevoli che queste persone stanno consegnando l’Italia all’antipolitica, ai populisti, alla demagogia, al partito degli assenteisti. Ma siccome non vogliamo credere che i giusti abbiano rinunciato del tutto all’azione, chiediamo a loro di imboccare al più presto l’unica via percorribile iniziando a dare il buon esempio(in Francia è stato già fatto) prima che sia troppo tardi: dandosi nuove regole con la riduzione degli stipendi, dei benefit e dei privilegi e introducendo dei provvedimenti per la riduzione, la trasparenza e il controllo sull’utilizzo dei soldi pubblici. Per fare questo non si ha bisogno di una bicamerale, perchè ogni partito può farlo subito e in modo autonomo. Fate presto, le prossime elezioni non saranno tra cinque anni. Ma tra pochi mesi!

FORMICHE GIOVANI //  Graziella Giorani Castellani

Annunci
commenti
  1. carlo lanini ha detto:

    brava graziella ma forse se fosse tecnicamente possibile non si potrebbe prouingare l’azione di questo governo? forse sarebbe un colpo di stato senza armi? , però qualcuno dovrebbe avere il coraggio di fare e non solo dire che si assuma subito il controllo dei finanziamenti non diamo spazio a chi vuol fare campagna elettorale con i referendum tanto è dimostrato che l volontà popolare viene aggirata con sotterfugi e furbizie, i politici di tutti partiti che hanno un pizzico di onestà abbiano il coraggio di una coalizione senza barriere ideologiche e dare risposte certe ai cittadini delle classi meno abbienti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...